You are here

Gli stakeholder e il loro coinvolgimento

Acea, in coerenza con i valori enunciati nel Codice Etico, attraverso il dialogo e il confronto, promuove il coinvolgimento delle parti interessate 19, valorizzando le opportunità di creazione di valore condiviso. L’identificazione delle diverse tipologie di stakeholder, l’analisi e la gestione delle interazioni tra loro e l’azienda sono attività continue, dinamiche e biunivoche, che nascono sia da impulsi e obiettivi aziendali sia da sollecitazioni provenienti dal contesto esterno.

La fase di identificazione degli stakeholder, permette di individuare i soggetti che sono coinvolti, direttamente o indirettamente, dalle attività aziendali al fine di valutarne il livello, qualitativo e quantitativo, di impatto. La fase di analisi serve a valutare in maniera strutturata le interazioni che esistono sia tra l’azienda e gli stakeholder che tra loro stessi, per elaborare percorsi di dialogo e di responsabilità. La fase di gestione, infine, conduce all’individuazione di risposte alle istanze avanzate dagli stakeholder o dall’azienda per perseguire il raggiungimento degli obiettivi aziendali in armonia con le attese.

GRAFICO N. 14 - GLI STAKEHOLDER E IL LORO COINVOLGIMENTO

La “mappa degli stakeholder” di Acea identifica le macro-categorie di interlocutori fondamentali: i clienti, i dipendenti, i fornitori, gli azionisti e i finanziatori, le istituzioni, la collettività, l’ambiente naturale e l’impresa stessa. Verso ciascuna categoria vengono curate iniziative di engagement, che talvolta generano percorsi collaborativi, importanti sia per lo sviluppo aziendale sia per consolidare ed espandere la legittimazione ad operare riconosciuta ad Acea dai suoi stakeholder. Alcune tra le iniziative intraprese nell’anno sono illustrate nei box dedicati agli stakeholder e nei box di approfondimento (si veda ad esempio il box Acea per la scuola 2017 nel capitolo Clienti e collettività, paragrafo Comunicazione, eventi e solidarietà).

GRAFICO N. 15 – LA MAPPA DEGLI STAKEHOLDER

GRAFICO N. 15 – LA MAPPA DEGLI STAKEHOLDER

FORNITORI (BOX CON IMMAGINE DA IMPLEMENTARE)

Riguardo i fornitori, per alcuni appalti di lavori (idrici, elettrici e civili) aggiudicati con l’offerta economicamente più vantaggiosa, Acea ha consolidato la previsione di premialità legate alla sostenibilità: formazione sulla sicurezza delle maestranze che svolgono il lavoro; dotazioni di mezzi ecologici utilizzati durante le attività; possesso congiunto di certificazioni qualità, ambiente e sicurezza. Per gli affidamenti rientranti nel codice dei Contratti pubblici, riguardanti lavori ad alta intensità di manodopera, come previsto dalla normativa, ha inserito la clausola sociale di riassorbimento degli organici dell’appaltatore uscente compatibilmente con l’organizzazione del nuovo affidatario.

In tema di green procurement Acea applica i criteri ambientali minimi (CAM), adottati con Decreti del Ministero dell’Ambiente in tutti i capitolati d’appalto di pertinenza e si è impegnata per un progetto di estensione, compatibilmente con gli acquisti da effettuare, dell’approccio dei CAM a categorie merceologiche non coperte normativamente dai Decreti Ministeriali.

A seguito della positiva esperienza avuta con la piattaforma TenP, elaborata con il Global Compact Network Italia sulla base dei 10 principi del «patto globale», Acea ha deciso di rendersi autonoma e integrare i temi della sostenibilità (responsabilità sociale/gestione ambientale) in un questionario di autovalutazione gestito direttamente sulla piattaforma di Vendor Management Acea.

L’integrazione della sostenibilità negli aspetti di riferimento della relazione con i fornitori qualificati è stata ulteriormente sviluppata nell’anno, prevedendo la possibilità di audit di seconda parte oltre che su qualità, ambiente e sicurezza, anche su energia e responsabilità sociale, in un percorso di supporto al miglioramento della catena di fornitura.

AZIONISTI E FINANZIATORI (BOX CON IMMAGINE DA IMPLEMENTARE)

Acea gestisce i rapporti con i mercati dei capitali in modo da cogliere le migliori condizioni di sostenibilità degli approvvigionamenti finanziari, diversificando le fonti, e rendere l’investimento nella società sicuro e di valore per gli investitori (equity e debito).

Più del 60% dell’indebitamento deriva da operazioni di collocamento obbligazionario. Le relazioni con analisti, agenzie di rating creditizio, banche ed azionisti sono improntate al dialogo e alla costruzione di un rapporto di reciproca fiducia: incontri con la comunità finanziaria, come i roadshow, sono stati numerosi (circa 160 operatori incontrati) in concomitanza con i principali eventi societari e si svolgono nelle più importanti piazze europee.

L’attenzione degli analisti ESG (environmental, social, governance) verso Acea si è consolidata con attività di rating strutturate, cui corrisponde, da parte aziendale, una sempre maggiore consapevolezza e capacità di creazione di valore verso gli aspetti ESG, grazie all’impegno crescente delle strutture interne preposte. Nel 2017 Acea ha confermato posizioni di rilievo nelal Carbon Disclosure Project (classe leadership) ed è stata nuovamente ricompresa nell’Ethibel excellence investment register.

DIPENDENTI (BOX DA IMPLEMENTARE)

Le persone di Acea sono determinanti per il perseguimento delle attività ed il successo dell’organizzazione. L’attenzione ai temi della sicurezza, della formazione, del coinvolgimento, dedicata a tutti i colleghi, è pertanto un valore della cultura aziendale interna, che viene costantemente alimentato con iniziative specifiche e diffuse. In tema di sicurezza, ad esempio, parte ineludibile della completa comprensione ed attuazione del lavoro, a beneficio di oltre 3.000 dipendenti, è stata organizzata la Safety Week, con incontri ed iniziative curate dai RSPP del Gruppo, per condividere valori, pratiche e significati di un lavoro svolto in sicurezza.

Il nuovo Vertice, consapevole della necessità di coinvolgere i collaboratori rendendoli attori dei processi di ideazione e miglioramento dei processi, ha implementato il nuovo Modello di Execution, un percorso di attivazione del patrimonio di competenze interne che, attraverso team trasversali, è chiamato ad intervenire per rendere concrete importanti iniziative strategiche aziendali. L’attenzione alla diversity e all’inclusione sono aspetti che trasformano il benessere delle persone in benessere organizzativo.

In tale contesto due iniziative sono da segnalare nell’anno: Massimo Ascolto, una survey diffusa tra tutti i dipendenti, con l’obiettivo di individuare fabbisogni e priorità in ambito di benessere organizzativo, tenendo conto delle peculiarità personali e familiari della popolazione aziendale, e l’iniziativa MAAM (Maternity As A Master) per la valorizzazione dell’esperienza genitoriale durante i primi anni di crescita dei figli. Al progetto hanno aderito 55 colleghe e 18 colleghi, che in un percorso di community e coaching hanno imparato a capitalizzare le capacità dell’esperienza genitoriale, per accrescere la cosiddetta leadership generativa.

CLIENTI (BOX DA IMPLEMENTARE)

La figura del cliente di una multiutility è in continua evoluzione ed il rapporto con l’azienda si modifica e si sviluppa alla luce di tali cambiamenti. Acea si impegna ad essere partner affidabile e di qualità per soddisfare le istanze della propria clientela, dotandosi dei più aggiornati sistemi di interazione, favorendo le dinamiche evolutive dei mercati serviti, monitorando continuamente il riscontro dei propri clienti per coglierne i segnali e rielaborarli in risposte operative. La tecnologia digitale continua ad essere implementata in quanto infrastruttura di comunicazione evoluta con il cliente: l’installazione dei contatori digitali in telegestione ha raggiunto la copertura del 99,33% della popolazione.

Nella nuova configurazione del mercato energetico si consolida la figura del prosumer (produttore e consumatore di energia): sulla rete di distribuzione di Areti sono attivi 11.344 prosumer – +9% rispetto al 2016 – di cui circa 7.000 clienti di Acea Energia. L’impegno verso il miglioramento continuo delle prestazioni rese ai clienti guida la programmazione delle attività; in campo idrico, ad esempio, è stata ottenuta, la riduzione dei tempi di risposta del primo intervento su guasto. Le efficienze di tali interventi viene poi verificata costantemente attraverso indagini approfondite e capillari di customer satisfaction.

COLLETTIVITÀ (BOX DA IMPLEMENTARE)

Acea lavora per creare le migliori condizioni infrastrutturali alla base dello sviluppo della collettività. Le reti e gli impianti di una multiutility moderna sono proiettate verso logiche di smart city, in risposta a contesti urbani che necessitano di integrare servizi in maniera sempre più efficace, veloce e affidabile.

In tale contesto si inquadrano, ad esempio, i progetti di innovazione che riguardano i sistemi di misura multiservizio e l’evoluzione tecnologica dei pali di illuminazione pubblica. La sicurezza delle popolazioni è un'ulteriore responsabilità che Acea sente propria e a cui risponde predisponendo piani di emergenza in grado di garantire la resilienza del sistema a fronte di eventi critici, come quelli ambientali, fraudolenti o terroristici, garantendo la tutela delle collettività.

L’impegno di Acea, tuttavia, non è rivolto soltanto alle infrastrutture di servizio ma anche alla costruzione di reti di solidarietà, di coesione e di opportunità per le collettività di riferimento, basti pensare ai rapporti con le Scuole, attraverso i piani di alternanza studio-lavoro o le campagne educative ambientali (nel 2017 oltre 5.000 studenti coinvolti), o all’impegno per valorizzare il patrimonio monumentale, attraverso iniziative condotte in collaborazione con le autorità competenti.

AMBIENTE (BOX DA IMPLEMENTARE)

L’Ambiente naturale è lo scenario entro cui si sviluppano le attività del Gruppo e come tale viene preservato, con un uso responsabile ed efficiente delle risorse, la tutela delle sorgenti, la salvaguardia delle aree naturali dove insistono impianti e reti di servizio, la mitigazione degli impattifisici e delle esternalità generate sul contesto ecologico dai processi operativi.

La diffusa adozione di Sistemi di gestione ambientali è un riscontro concreto dell’importanza delle dinamiche ambientali per Acea e uno strumento manageriale per il miglioramento continuo delle performance.

Si pensi, ad esempio, alla generazione energetica, dove sono costanti le iniziative di repowering per ammodernare gli impianti anche perseguendo i migliori impatti ambientali in termini di emissioni, o al servizio idrico integrato,dove la gestione responsabile di Acea sulla risorsa nasce dalla fase di approvvigionamento, per metterla a disposizione delle persone, e si conclude con l’impegno della restituzione dei reflui al corpo ricettore nelle migliori condizioni possibili.

Non può essere trascurato, infine, il settore dei servizi ambientali collegati alla gestione dei rifiuti dove l’impegno verso l’ecosistema riguarda sia i processi operativi, basti pensare alle efficienze ambientali portate dal progetto innovativo dei nastri Ecobelt® WA nella centrale di termovalorizzazione di San Vittore del Lazio, sia la trasformazione degli scarti in ottica di economia circolare, come avviene per il trattamento dei fanghi da depurazione idrica.

ISTITUZIONI (BOX DA IMPLEMENTARE)

Per una società che eroga servizi pubblici essenziali sul territorio e per la maggior parte sottoposti a regolazione da parte di autorità pubbliche, il rapporto con le istituzioni è essenziale, sia ai fini della pianificazione delle attività che di esercizio.

Acea rappresenta un asset infrastrutturale strategico del territorio e, di conseguenza, interagisce con le pubbliche amministrazioni per contribuire a superiori esigenze di interesse pubblico, come ad esempio quella della sicurezza nazionale di fronte a fenomeni emergenti quali la cyber security. Non meno di rilievo è il rapporto con gli enti locali, che esprimono istanze specifiche della popolazione o dell’ambiente, basti pensare agli Enti di Gestione d’Ambito nel settore idrico, controparti complementari delle società del servizio idrico integrato.

Di fronte ad emergenze di tipo sociale o ambientale che generano impatti negativi diffusi – basti pensare solo all’esempio dei fenomeni meteorici estremi, legati al cambiamento climatico – Acea ha dimostrato il proprio approccio a pensare globalmente e agire localmente, prendendo posizione rispetto ad iniziative istituzionali di rilevo internazionale, quali gli obiettivi di sviluppo sostenibile ONU o ancora l’Alleanza delle imprese italiane per l’acqua e il cambiamento climatico, nell’ambito del Summit Internazionale Acqua e Clima svoltosi ad ottobre sotto l’egida del Ministero dell’Ambiente e in collaborazione, tra gli altri, con la Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite e la Rete Internazionale degli Organismi di Bacino.

ACEA (BOX DA IMPLEMENTARE)

Un’organizzazione sostenibile vuole orientare e proiettare se stessa in una dimensione futura, prefigurando il proprio ruolo per lo sviluppo di tutto il contesto. Per realizzare ciò, Acea ha disegnato un Piano industriale 2018-2022, fattibile, sfidante e innovativo, che ha recuperato, rinvigorendola e rinnovandola, la vocazione industriale di Acea, fortemente concentrata sulla creazione e gestione di infrastrutture moderne e resilienti.

L’innovatività di tale disegno è corroborata dalla coeva ed integrata pianificazione di sostenibilità, che ha reso sinergici gli obiettivi di sviluppo dell’azienda, tanto nella dimensione industriale che nella generale creazione di valore per tutti gli stakeholder. Acea si è coerentemente rinnovata, ad esempio, creando il primo piano di innovazione di Gruppo ed istituendo un’apposita funzione aziendale dedicata all’innovazione.

A livello governance, Acea ha costituto il Comitato per l’Etica e la Sostenibilità, allineandosi alle indicazioni più recenti della corportate governance integrata. [ FINE BOX]

Osservatori esterni analizzano e valutano anche le performance di sostenibilità di Acea, conferendole riconoscimenti adeguati al buon livello raggiunto.

In particolare, nel 2017 l’azienda ha partecipato alla sesta edizione del Top Utility Award, iniziativa che valuta e premia il sistema delle Public Utility italiane in un’ottica integrata di sostenibilità economica, finanziaria, sociale e ambientale.

L’analisi si applica alle prime 100 Utility italiane per fatturato, pubbliche e private, sulla base di 201 parametri e 6 aree di valutazione: risultati economico finanziari, performance operative, comunicazione, sostenibilità, rapporto con i consumatori e il territorio, ricerca e innovazione. Acea è rientrata nella cinquina dei best in class per le seguenti categorie “miglior

Infine, il CDP, che valorizza la buona gestione, da parte delle imprese, dei rischi inerenti il cambiamento climatico, ha confermato, anche per l’anno in esame, l’ottima valutazione sulle performance Acea, confermandone la presenza in “area leadership” (si veda, in proposito, Le relazioni con l’ambiente).

STRUMENTI E AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ

Acea eroga servizi a rete d’interesse pubblico ed è pertanto un attore fondamentale per la promozione dello sviluppo economico e civile delle comunità locali.

La cura dedicata alla qualità dei servizi erogati e all’efficienza dei processi industriali gestiti, la tutela dell’ambiente naturale e l’attenzione alle dinamiche sociali dei territori in cui opera, fanno sì che la responsabilità sociale d’impresa (RSI), quale modo per perseguire uno sviluppo sostenibile, sia insita nell’identità di Acea. Il Gruppo si adopera per diffondere valori, cultura e pratiche di RSI, sia entro l’organizzazione che nei contesti in cui è presente, adottando strumenti e politiche che oggi coprono le fasi più importanti di pianificazione, gestione e accounting.

GRAFICO N. 16 - STRUMENTI RSI

GRAFICO N. 16 - STRUMENTI RSI

19 Sono stakeholder (parti interessate) quei soggetti - individui, gruppi, organizzazioni - che hanno con l’azienda relazioni significative e i cui interessi sono a vario titolo coinvolti nelle attività dell’impresa per le relazioni di scambio che intrattengono con essa o perché ne sono significativamente influenzati.